impredo-10-bianco

Palazzo Raggi

Lavori di restauro e risanamento conservativo nel centro storico di Roma

La porzione del complesso immobiliare oggetto di intervento, denominato “Palazzo Raggi”, di proprietà di Green Stone Sicaf – Comparto Stone 14, è situato all’interno dell’isolato compreso tra Via del Corso, Via della Vite, Via del Gambero e Via delle Convertite. Il Palazzo è sottoposto a vincolo diretto dei Beni Culturali ai sensi della Legge 1089/39 e successivo D.Lgs. 42/04. Palazzo Raggi è il risultato dell’accorpamento di due edifici prospicienti il primo su Via del Corso ed il secondo su Via del Gambero, storicamente collegati da un unico cortile settecentesco. L’immobile si sviluppa su sei livelli fuori terra e un piano interrato adibito a locali tecnici e cantine. Le residenze, 29 appartamenti in totale, saranno distribuite su quattro lati del palazzo, di cui due su fronti stradali di Via del Gambero e di Via del Corso. I lavori, iniziati nel’agosto del 2022 saranno compeltati nel settembre 2024.

Committente Green Stone SICAF S.p.A. Comparto 14
Sito Web http://greenstone-funds.com
Indirizzo Via del Gambero, 1, Roma, RM, Italia - 00187 - Italia

Gallery

Importo

11.600.000,00 €

Inizio Lavori

2023

Fine Lavori

2024

Stato del progetto

In Corso

Destinazione

Residenziale

Incarico

General Contractor e Appaltatore

Importo

50000000€

Importo

50000000€

Importo

50000000€

Importo

50000000€

Importo

50000000€

Importo

50000000€

L'intervento di Impredo

Impredo si configura come appaltatore affidando in subappalto circa il 70% dei lavori. Risulta anche esecutore di altre attività: opere di consolidamento, intonaci interni, murature interne, oltre che forniture di materiali.
Un intervento importante che i nostri professionisti stanno svolgendo con la massima attenzione e con il massimo rispetto per un edificio parte integrante del patrimonio storico della Capitale.
Daniele D’Orazio
test alt

Intervento di edificio sottoposto a vincolo diretto dei Beni Culturali ai sensi della Legge 1089/39 e successivo D.Lgs. 42/04

Gli interventi di restauro sottoposti a vincolo dei Beni Culturali hanno riguardato tre aspetti su un unico lato, quello dell'edificio che affaccia su Via del Corso. Il restauro dei soffitti in legno a casettoni, lavorato e anche porzioni degli intonaci decorati. Questi elementi, integralmente mantenuti, sono stati ripristinati nel loro stato originale. Un altro intervento ha riguardato il resaturo degli infissi esistenti, così come l'installazione di nuovi infissi che rispettino le caratteristiche degli elementi preesistenti. Questa operazione ha garantito l'aspetto architettonico coerente della facciata. Anche il restauro di una delle tre scale dell'ingresso, definita monumentale e sottoposta a vincolo, è stato eseguito sotto controllo di restauratori professionisti. L'intervento ha riguardato anche gli imbotti in pietra all'ingresso delle unità immobiliari. Queste parti architettoniche sono state ripristinate e conservate in modo da mantenere la loro integrità storica.

Le parti originali sottoposte a vincolo dei Beni Culturali, sono state integralmente ripristinate dopo un accurato restauro per salvaguardare il loro valore e l'aspetto storico dell'edificio

Impianti di raffredamento/riscaldamento moderni e pareti dall'acustica controllata

Si è lavorato per migliorare l'efficienza energetica dell'edificio. Questo include l'installazione di infissi ad alte prestazioni termiche, l'implementazione di un sistema di riscaldamento a pavimento radiante e l'uso di un sistema misto che combina un gruppo frigo per il raffreddamento e caldaie per la fornitura di calore. I generatori di energia sono stati potenziati sia per il gas che per l'elettricità al fine di ottimizzare l'efficienza energetica complessiva. Un'attenzione particolare è stata data al miglioramento dell'isolamento acustico sia dall'esterno che dall'interno dell'edificio. Un consulente acustico è stato coinvolto per pianificare e implementare soluzioni specifiche. Sono stati installati sottofoni orizzontali e verticali utilizzando materiali diversi dallo standard normale per contenere il rumore. Le separazioni tra le unità immobiliari sono realizzate con sistemi in muratura isolati, mentre le pareti interne sono dotate di sistemi a secco con lastre ad alta prestazione di cartongesso per garantire il massimo isolamento acustico all'interno di ciascun appartamento. Gli appartamenti dispongono anche di un sistema di domotica base.

Una residenza moderna e di prestigio in un contesto ad alto "valore storico" ha dichiarato l'Ing. Daniele Scanu, Responsabile Commessa Impredo

test alt
test alt

Ascensore panoramico inserito nel contesto storico

L’edificio, originariamente privo di impianti elevatori, è stato fornito di ascensori. Nelle due scale non soggetto a vincolo è stato inserito un vano normale. Nella parte prospiciente via del Corso e soggetta a vincolo dei Beni Culturali, è stato invece progettato un ascensore panoramico interamente in lastre vetro. Per questo progetto, è stato condotto uno studio che ha richiesto diversi mesi al fine di bilanciare gli aspetti tecnici, strutturali ed estetici, garantendo che l'ascensore panoramico si integri perfettamente nel contesto architettonico dell'edificio.

Un ascensore panoramico che s'inserisce perfettamente nel constesto storico di Palazzo Raggi

test alt

Aggiungi qui il testo dell'intestazione

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Aggiungi qui il testo dell'intestazione

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

test alt